Open post
Quanto costa cambiare pneumatici

Quanto Costa Cambiare Pneumatici

Oggi quasi tutti hanno una vettura o comunque un veicolo anche se a due ruote. Ormai è molto frequente scegliere di prendere la macchina o il motorino piuttosto che l’autobus o il tram. Se si deve andare a fare la spesa o per esempio se si vuole organizzare una gita fuori porta. L’automobile è praticamente diventata insostituibile.

La macchina però è un qualcosa di cui prendersi cura, bisogna controllare l’olio, le cinghie del motore nonché il motore stesso. Si deve sempre avere tutto sotto controllo al fine di assicurarsi che la vettura sia ancora in grado di “muoversi”

Molto spesso però il problema potrebbe verificarsi proprio quando si è fuori casa e magari si è in mezzo alla strada. Cosa succederebbe se si bucassero le ruote e fossero quindi da cambiare? Sarebbe una bella faccenda in quanto sono proprio gli pneumatici che permettono all’automobile di muoversi.

Qualora al momento del foro si fosse in mezzo alla strada, le uniche due soluzioni sarebbero: chiamare il carroattrezzi o cambiare la ruota sostituendola momentaneamente con il cosiddetto ruotino. Prima o poi però lo pneumatico sarà da cambiare in quanto l’autonomia della ruota di scorta non è illimitata. Lo step successivo sarà quindi portare il veicolo presso un professionista, un meccanico o un gommaio, per effettuare la sostituzione

Quanto costa cambiare pneumatici

Si deduce quindi quanto siano fondamentali gli pneumatici per il funzionamento di un veicolo, che sia a 2 o a 4 ruote.

Il cambio della ruota fuori uso può essere effettuato direttamente dal conducente. La prima cosa da fare non è altro che accostare la macchina in un luogo in piano e in cui nessuno possa ostacolare la manovra. In seguito dovrà essere sistemato il crick sotto la vettura affinché riesca a far leva per sollevare lo pneumatico. A quel punto dovranno essere svitati i bulloni e messi da parte che serviranno in un secondo momento per fissare il ruotino. A questo punto, avendo una ruota di scorta, non si possono superare gli 80 km/h e non si possono affrontare strade impegnative. Non si può far altro che procurarsi il prima possibile una nuova ruota.

Non sempre però sono tutti capaci di effettuare la sostituzione specie nel caso di persone anziane. Per questo c’è la possibilità di fare affidamento a dei professionisti che però in questo caso comportano dei costi, non solo riguardanti l’acquisto dello pneumatico nuovo in sé ma anche la sostituzione vera e propria.

Innanzitutto per poter calcolare il prezzo della ruota si devono prendere in considerazione le dimensioni dello pneumatico e soprattutto la marca dello stesso, in quanto molti potrebbero essere interessati a voler riavere gli stessi pneumatici originariamente installati dalla casa automobilistica.

Prendendo quindi in considerazione il tipo di pneumatici, i costi di installazione e le garanzie che eventualmente possono accompagnare lo pneumatico stesso, si può arrivare ad avere vari prezzi che variano ovviamente a seconda anche del tipo di modello della macchina e della casa automobilistica di appartenenza. In media come prezzi si oscilla tra i 50 e i 75 euro ma si può arrivare anche a 100 o 300 euro per ciascuno pneumatico.

Foto sicurAUTO.it

Open post
Quanto costa cinghia dei servizi

Quanto Costa Cinghia dei Servizi.

 

La cinghia dei servizi non è altro che una cinghia che serve a trasmettere il moto dalla puleggia dell’albero motore alla puleggia delle varie pompe, ovvero dei servizi quali l’alternatore o la pompa del servosterzo ad esempio.

Attenzione, perché non va assolutamente confusa con la cinghia di distribuzione in quanto se si rompe quest’ultima, il danno provocato al veicolo è di notevole entità dato che si va a danneggiare pesantemente il motore. Nel caso in cui invece si rompa la cinghia dei servizi, il danno sarà molto probabilmente di un’entità più lieve. Questo non deve però portare a sottovalutarne l’importanza.

La cinghia dei servizi ha quindi un ruolo rilevante nel funzionamento del veicolo andando ad incidere:

– sull’alimentazione dell’alternatore ricaricando così la batteria da cui poi dipendono quasi tutti i servizi dell’automobile, come l’avviamento del motore, il panello di controllo del cruscotto, i fari

– sull’alimentazione del compressore del climatizzatore con lo scopo di portare il liquido refrigerante da un punto all’altro dell’impianto di condizionamento e quindi comprimerlo

– sull’alimentazione della pompa del servosterzo che in caso di usura della cinghia potrebbe comportare un appesantimento del servosterzo facendo diventare particolarmente difficile la guida del veicolo

– sull’alimentazione della pompa di raffreddamento assicurando la circolazione forzata del liquido refrigerante all’interno dei vari passaggi e delle intercapedini del circuito di raffreddamento.

Quanto costa cinghia dei servizi

Dato che la cinghia dei servizi ha a che fare con varie componenti della macchina, come appunto le pompe dell’acqua o il compressore dell’aria condizionata, nel momento in cui si rompe è chiaro che questi ultimi non funzionano più; si deduce quindi quanto possa essere importante il danno che viene arrecato.

Generalmente, è consigliato revisionare la cinghia ogni 6 mesi o quanto meno una volta l’anno di modo da prevenire usure, decadenze ed eventuali rotture che possono comportare danneggiamenti al veicolo.
Se dovessero presentarsi problemi, non c’è poi più di tanto da preoccuparsi in quanto la vettura stessa, attraverso l’accensione di una spia, indica immediatamente quale e dove sia il problema.

Come anzidetto la cinghia ha bisogno di un controllo periodico che può variare a seconda di quanto indicato dalle varie case automobilistiche e nel caso risultino eventuali usure si ritiene essere opportuno effettuare in cambio della cinghia.
Nonostante quest’ultima abbia una durata maggiore rispetto alla più importante cinghia di distribuzione, è sempre bene tenerla sotto controllo in quanto è sempre meglio prevenire che curare.

Per quanto riguarda il cambio della cinghia, questo viene effettuato da un professionista il quale provvede immediatamente ad effettuare la sostituzione del materiale che apparentemente potrebbe anche sembrare un’operazione semplice ma che in realtà, se non vengono osservate le giuste precauzioni, potrebbe essere anche peggio andando a causare ulteriori danno a quelli che potrebbero già essere presenti.

Parlando di costi, per provvedere alla sostituzione, si vanno a spendere dai 75 ai 150 euro in media, a seconda dal tipo di autovettura di cui si è in possesso.
Prima di arrivare ad eventuali problemi che possono arrivare danni al veicolo, è bene ispezionare periodicamente la cinghia e seguire quanto prescritto nel libretto di manutenzione della macchina di modo da evitare spiacevoli sorprese.

Foto automobilandia

 

Open post
Quanto costa cinghia di distribuzione

Quanto Costa Cinghia di Distribuzione

La cinghia di distribuzione è una delle parti più importanti del motore di una macchina. È un elemento fondamentale in una vettura in quanto serve a regolare il funzionamento del motore: unisce l’albero motore con l’albero a camme, quindi nel momento in cui presenta dei problemi e si rompe, danneggia gravemente il funzionamento della macchina. Si evince perciò quanto sia importante tenere sotto controllo la cinghia di distribuzione e sapere quindi quando sia il momento più importante per effettuare il cambio.

La cinghia è composta da un materiale gommoso ed elastico, rinforzato con parti in acciaio tese a resistere a eventuali sforzi meccanici cui tale congegno è sottoposto continuamente. In quanto gommoso, il materiale di cui è composta la cinghia, può decadere nel corso del tempo. Nonostante sia un elemento di lunga durata, a causa dei continui movimenti del motore, è soggetto ad usura ed è quindi di fondamentale importanza capire quando sia il momento di sostituirlo.

Come anzidetto, la cinghia di distribuzione si può tranquillamente rompere col passare del tempo, in quanto fatta di un materiale suscettibile di deterioramento. Se si rompe il motore subisce danni particolarmente importanti: venendo a mancare il corretto sincronismo le valvole battono contro i pistoni, deteriorandosi a vicenda. Non necessariamente il danno provocato dalla rottura sarà di grande entità, può essere anche lieve. Quindi in quest’ultimo caso l’intervento di un meccanico sarà minore e di conseguenza anche il costo da sostenere per la riparazione sarà inferiore. Se il danno è quindi di lieve entità potrà bastare semplicemente la sostituzione delle valvole altrimenti, qualora il danno fosse maggiore, potrebbe essere necessario cambiare direttamente il motore della macchina. Quindi si denota come sia importante tenere costantemente sotto controllo la cinghia di distribuzione, proprio per evitare eventuali usure e conseguenti danneggiamenti alla vettura.

Quanto costa cinghia di distribuzione

Solitamente ogni veicolo ha dei parametri che lo distinguono dagli altri. Se una macchina viene periodicamente sottoposta a guida su strade asfaltate o vengono percorsi decine e decine di chilometri, è molto probabile che la cinghia si rompe molto prima rispetto ad una vettura che viene utilizzata in condizioni cosiddette normali. Tali parametri si possono riscontrare tranquillamente nel manuale del veicolo, di modo da sapere fin quanto poter spingere la macchina prima di effettuare possibili cambi inerenti la cinghia.

Se la cinghia di distribuzione arriva a rompersi, dovrà essere effettuato il cambio che, come già anticipato, può essere più o meno costoso a seconda dell’intervento sul motore che dovrà essere effettuato. Parlando di costi, si tende a variare tra i 40 e i 150 euro, a seconda del modello e della casa automobilistica di appartenenza della vettura.

Per quanto riguarda l’acquisto della cinghia da sostituire, esistono vari negozi di ricambi che, molte volte, potrebbero comportare un risparmio per il guidatore piuttosto che portare l’auto da un professionista.

Come anzidetto, si parla di un congegno meccanico fondamentale per il funzionamento del veicolo che, in caso di rottura, potrebbe comportare danni anche di una certa entità. Per questo si ritiene essere molto importante consultare il libretto di manutenzione del veicolo e prevenire il danno prima di trovarsi a spiacevoli conseguenze.

Foto blog.dominoricambi

 

Posts navigation

1 2 3 4 5
Scroll to top